Il tradimento nella coppia

tradimento-coppia




a cura del Dr. Cosimo Aruta e del Dr. Pier Pietro Brunelli

 In appendice “Il tradimento” un  importante testo del grande James Hillman

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 8,1-11.

Gesù si avviò allora verso il monte degli Ulivi.
Ma all’alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava.

Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo,
gli dicono: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio.
Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?».
Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo. Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra.
E siccome insistevano nell’interrogarlo, alzò il capo e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei».
E chinatosi di nuovo, scriveva per terra.
Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi. Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo.
Alzatosi allora Gesù le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?».
Ed essa rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neanch’io ti condanno; và e d’ora in poi non peccare più».

TRADIMENTO, SESSO E AMORE (Introduzione a cura di Pier Pietro Brunelli – Psicoterapeuta di orientamento junghiano)

Viviamo in un mondo che sembra tanto disinibito e disinvolto, ma la sessualità resta ancora un tabù inconscio che causa infelicità, equivoci e persino idee deliranti. La sessualità è spesso considerata una cosa sporca e peccaminosa da viversi in modo coatto e grazie alla complicità della pornografia e di ambienti dediti alla prostituzione e alle trasgressioni legittimate (come ad es. i privé e le chat erotiche e di scambio coppie). Se però facciamo una riflessione logica, un po’ più serena e sincera, dobbiamo proprio sforzarci nel capire cosa ci sia di male nel fatto che persone consenzienti si diano del piacere sessuale, o anche che ci si possa masturbare tranquillamente. Allora poi sembra, per contrasto, che il sesso possa consumarsi tranquillamente in tutte le occasioni e con chiunque, come consigliano spregiudicatamente riviste mondane , pubblicità varie, film e romanzi vari all’insegna del libertinismo più sfrenato. Insomma sembra davvero difficile concepire e vivere la sessualità come un’esperienza serena ed equilibrata, che si basa su un naturale sentire se stessi e gli altri, e non su idee e pregiudizi condizionanti, inibenti o parossistici o maniacali che siano.

Quando poi la sessualità viene vissuta come tradimento della coppia allora si aprono voragini di sofferenza, di gelosia, di angoscia che ha volte possono portare a vere e proprie tragedie. Fino a che punto ciò è dovuto alla paura di perdere l’amore e fino a che punto invece il tradimento fa emergere ansie, paure e insicurezze legate ad una concezione repressiva e castrante della sessualità?

Molto spesso, come ci ha insegnato Freud, e poi molti altri grandi maestri della psicologia, noi psicologi clinici dobbiamo lavorare sui tabù sessuali delle persone che ci chiedono sostegno e terapia, per far prendere coscienza di come tali tabù si sono costituiti, a cominciare da primarie esperienze infantili. Questa presa di coscienza rende certamente più liberi e più sereni ed  anche meno spaventati rispetto al tradimento, che può essere considerato e giudicato secondo modalità più mature e consapevoli.

Di fatto la sessualità umana si intreccia con il sentimento e la spiritualità, quindi non è considerabile come un puro istinto, essa mette in moto un intenso psichismo che unisce pulsioni e affetti, oppure anche li separa, generando scissioni patologiche, del tipo ‘sesso senza amore’ e ‘ amore senza sesso’… Spesso il tradimento è vissuto solo come una forma di esperienza sessuale che non implica una mancanza di amore o di rispetto per il partner, sebbene ciò possa risultare inaccettabile e incomprensibile.

Il tradimento apre dunque la riflessione a questioni infinite che attraversano la vita di ciascuno. Sono questioni che caratterizzano la letteratura, la storia, la politica, la religione e generano notevoli turbamenti e infelicità nella vita individuale.

I ‘figli dei fiori’, i movimenti hippye degli anni ’60 hanno cercato di esorcizzare il tradimento in nome della coppia libera e di un paradisiaco comunismo dei sentimenti e dei beni, all’insegna della natura. Questo modo di pensare, di non facile realizzazione, considera  la sessualità umana come un dono della vita, così come era considerata in tutte le religioni primitive, essa era cioè una manifestazione dello spirito. Solo con il monoteismo si genera una cultura di castrazione e di controllo della sessualità, volta a colpevolizzare le persone per meglio dominarle – ma si può anche sostenere che il 6° comandamento nelle tavole di Mosé, ‘Non commettere adulterio’, serva a preservare la fedeltà a favore della famiglia.

In verità nel cristianesimo primitivo non c’è una vera condanna della sessualità, ma c’è un’esortazione a comprendere a fondo il suo legame con l’amore e la vita. Gesù, che non scriveva mai niente, una volta sola ha scritto per terra: ’Chi è senza peccato, scagli la prima pietra’ per difendere un’adultera che stava per essere lapidata. . Perché Gesù ha difeso una donna che aveva tradito? Perché l’unica cosa che ha scritto riguardava questo?

Per tentare di rispondere dobbiamo informarci molto a fondo, ma soprattutto interrogarci su noi stessi, capire cosa temiamo del tradimento, perché e quando lo condanniamo con rabbia e disprezzo, perché altre volte lo sopportiamo, perché lo agiamo, perché a volte lo consideriamo solo come una ‘scappatella di sesso’, perché a volte come un grave sbaglio, o come una necessità, o come una vendetta, o come una liberazione, o persino anche come una pratica consentita con complicità… ecc.

Cosa temiamo di più nel tradimento del partner, la possibilità di un abbandono, o l’offesa al nostro orgoglio, oppure entrambe le cose? Inoltre è proprio vero che chi tradisce intende abbandonare il proprio partner, oppure intende offenderlo nel suo orgoglio? Perché è così difficile perdonare? Perché è così necessario mentire? Perché

Insomma i punti interogativi intorno alla parola tradimento possono essere almeno tanti quanto i seguenti: ??????????????????????????????????????… ecc.

E poi per rendere ancora più problematico il tutto, cosa ci fa comprendere Carl Gustav Jung con questa frase:

Non si dà amore così come non si dà tradimento se non all’interno di un rapporto d’amore. A tradire infatti non sono gli estranei, ma i padri, le madri, i figli, i fratelli, gli amanti, le mogli, i mariti, gli amici. Solo loro possono tradire, perché su di loro un giorno abbiamo investito il nostro amore. Il tradimento appartiene all’amore come la notte al giorno”.

Insomma pare che senza la fedeltà nell’amore non potrebbe esserci il tradimento e viceversa… senza il tradimento non potrebbe esserci la fedeltà nell’amore… ma come  è possibile? E’ una contraddizione in termini… eppure ‘ecce homo’!

Qui non intendiamo tentare l’ardua impresa di esporre tutti i possibili quesiti, le perplessità e le risposte, ma solo di fornire alcuni punti di vista ,alcune informazioni, e invitarvi a partecipare al dibattito con le vostre testimonianze ed esperienze, secondo lo spirito collaborativi e di solidarietà di ALBEDOIMAGINATION, il blog della nuova Alba (vedi info per partecipare).

Il tradimento nel rapporto di coppia – Dr. Cosimo Aruta (Psicologo di orientamento bioenergetico)

Il tradimento tra persone unite da un legame d’amore è considerato da sempre un comportamento riprovevole, tuttavia si tratta di un fenomeno molto diffuso e trasversale; non dipendente da: cultura, etnia o ceto sociale.
La pratica del tradimento non è solo un fenomeno contemporaneo, negli anni ’40 Alfred Charles Kinsey, fondatore del Kinsey Institute for Research in Sex Gender and Reproduction, nel suo noto “Rapporto sul comportamento sessuale degli americani” ha evidenziato che almeno il 50% dei mariti aveva cominciato una relazione extraconiugale prima dei 40 anni e che oltre il 25% delle donne tradiva il proprio marito.

Che cosa è il tradimento?
Esistono più tipologie di tradimento?

La risposta al primo quesito deve considerare la natura umana. Dal punto di vista della attrazione naturale tra i sessi, l’animale uomo non è monogamo ma poligamo. La natura “accende” i nostri sensi quando la complementarietà tra appartenenti a sessi opposti nella specie umana potrebbe garantire un ottimo stato di salute per il prodotto di una eventuale unione sessuale. Tuttavia, elementi fisiologici, le inclinazioni, la cultura ed i riferimenti valoriali, costituiscono variabili determinanti nella sensazione percettiva di ogni individuo. In altre parole, ci sentiamo attratti nell’immediatezza da chi ci piace particolarmente, indipendentemente da regole e costumi (il colpo di fulmine). Questo fenomeno naturale avviene indipendentemente dal fatto che un essere umano sia legato sentimentalmente con un patto d’amore ad un altro (unione, convivenza, matrimonio). Certamente, una persona soddisfatta del suo rapporto sentimentale e in pace con la sua anima, è molto meno sensibile alle tentazioni che la natura non manca di offrire attraverso i numerosi esemplari umani, distribuiti praticamente per tutto il pianeta. La nostra volontà può disciplinare il comportamento, ma non ha alcun potere nei confronti della nostra natura, condizionata, come per tutti gli esseri viventi, dall’adattamento all’ambiente: “Teoria dell’evoluzione, uno dei pilastri della biologia moderna“. Rinnegare la nostra animalità significa rinnegare secoli, millenni di evoluzione, avvenuti con non pochi sforzi: “Desmond Morris, zoologo ed etologo inglese, studioso del comportamento animale e umano”.
Considerando la nostra natura, possiamo affermare che non si tradisce con il pensiero, non si tradisce con il desiderio, non si tradisce con le emozioni. Sentire pulsioni umane non può in nessuna sede essere considerato tradimento, diversamente saremmo tutti traditori. La base di un rapporto sincero e leale dal quale può nascere e cresce la famiglia possiede radici profonde.

Per rispondere alla domanda: Che cosa è il tradimento? La risposta risiede nei principi e nelle convinzioni individuali, il tradimento non è uguale per tutti. Le donne degli eschimesi si uniscono con l’ospite e questa usanza locale, per la loro cultura non è considerato un tradimento. Al contrario, la nostra cultura punisce questa manifestazione di ospitalità, giudicandola scandalosa e immorale. Differenze così profonde tra le culture suggeriscono la risposta: “il vero tradimento in un rapporto di coppia è rappresentato dall’inganno, figlio della paura”. Non raccontarsi, non aprirsi, recitare un ruolo, indossare una maschera sono tutti elementi che tradiscono la personal amata. La sincera, serena e leale esposizione dei propri valori, della propria morale e del proprio punto di vista è la grande dimostrazione di amore e di fedeltà verso il proprio partner. La fedeltà in amore suggerisce, ad esempio: “Ti amo e non ti temo, se anche tu mi ami, sicuramente desideri conoscermi fino in fondo”. “Ti stimo, ti rispetto e desidero che la tua scelta sia incondizionata, quindi ti dono l’opportunità di  conoscermi profondamente e di scegliermi se ti piaccio veramente”.

Il vero tradimento mette in pericolo il progetto di vita insieme, con tutte le conseguenze.

Essere rigidi e non elastici; egoisti, indifferenti e non empatici; bugiardi e non sinceri, autoritari e non autorevoli; sono gli elementi che tendono a sgretolare la struttura di un rapporto di amore e, quindi, preparare il terreno fertile per il tradimento, nella sua forma più distruttiva.

In un autentico rapporto d’amore non possiamo negare al nostro partner il diritto di dissentire dalle nostre convinzioni e di arrabbiarsi. Sfortunatamente, in alcune coppie uno dei due nega all’altro il diritto di arrabbiarsi e di esprimere liberamente le proprie opinioni. Questa negazione, avviene frequentemente perché uno della coppia interpreta l’umana e possibile espressione di collera, conseguente ad una discussione animata su tematiche delicate, come una sfida alla sua autorità. Le sue convinzioni profonde, unite ad un super io normativo che non transige, recita: “è come la penso io e basta, non se ne parla più“. Riguardo le divergenze di opinione sui valori fondanti di una coppia, non è raro avere idee confuse sull’amore, come conseguenza dei precetti morali assimilati da bambini sull’amore verso i genitori e verso il prossimo. In ogni caso, l’uso della propria aggressività per “domare” una situazione di amore costituisce il tradimento contro l’amore stesso.

UNA FORMA DI TRADIMENTO:
Introdurre potere e autorità in un rapporto d’amore equivale a tradirlo.

Quando l’autorità di uno penetra nel rapporto di coppia, il naturale impulso ad aprirsi con la persona amata si congela, anche se l’amore per raggelarsi richiede ripetute delusioni.
Se per tradimento intendiamo unicamente un comportamento intimo con un altro partner,  anche se a seguito di una insufficiente comunicazione tra persone unite da un patto d’amore (matrimonio, convivenza o semplicemente stare insieme stabilmente), dovremmo sforzarci di capire la possibile antica genesi.

TUTTI GLI ADULTI SONO STATI BAMBINI.
I bambini hanno due oggetti d’amore: la madre e il padre. Con loro conoscono la felicità che si prova in un rapporto circolare (amare e essere amati). Per i bambini che hanno subito violenze e comportamenti inadeguati da parte dei genitori, la gioia dell’adolescenza viene barbaramente compromessa. In questo caso, anche se la realtà dell’amore è smarrita, se ne conserva il sogno, diversamente la vita sarebbe senza colori e vuota.
E’ la speranza della beatitudine ritrovata che dà senso alla vita. Quando si incontra una persona che ricorda concretamente la persona amata e perduta dell’infanzia,è come se si compiesse un miracolo. Se questo rapporto sfocia in una unione stabile e ci accorgiamo di una differenza significativa tra desiderio e realtà, il paradiso che sembrava reale si trasforma in una illusione, un crudele inganno del destino. Perché a questo punto si tradisce? Per tentare di ritrovare il paradiso perduto, possibilmente in una situazione di realtà non lontana dal reale desiderio.

 

“IL TRADIMENTO” di James Hillman (estratto)

Creato il 15 giugno 2012 da Colorefiore

C’è una storiella ebrea, molto diffusa, che dice pressappoco cosi:
« Un padre insegnava al figlioletto ad essere meno pauroso, ad avere più coraggio, facendolo saltare giù da una scala. Mise il bimbo sul secondo gradino e disse: « Salta che ti prendo. » e il bimbo saltò. Poi lo mise sul terzo gradino dicendogli ancora: « Salta che ti prendo. » Sebbene il bimbo fosse impaurilo, si fidò di suo padre, fece ciò che gli era stato detto e saltò nelle sue braccia. Poi il padre lo mise sul quarto gradino, sul quinto, sul sesto, dicendo ogni volta: « Salta che ti prendo. » ed ogni volta il bimbo saltò e fu preso da suo padre. E così continuarono finché il bimbo saltò da un gradino molto alto, ma questa volta il padre si tirò indietro e il bimbo cadde a faccia in giù. Mentre si rialzava, sanguinante e piangente, il padre gli disse: « Questo ti insegni a non fidarti mai di un ebreo anche se è tuo padre. » Questo storia va molto al di là del suo apparente antisemitismo, tanto più che con molta probabilità è una storia ebrea, lo credo che ci possa dire molto sul tema del tradimento. Ad esempio: perché si deve insegnare ad un ragazzo a non fidarsi? e a non fidarsi di un ebreo? e a non fidarsi di suo padre?· Che senso ha essere traditi dal proprio padre o da qualcuno che si ama? · Che senso ha per un padre, per un uomo, tradire qualcuno che ha fiducia in lui? · Qual è il fine del tradimento nella vita psicologica? Queste sono le domande che ci poniamo.…Non è possibile avere fiducia senza la possibilità del tradimento. E’ la moglie che tradisce il marito, il marito che inganna la moglie; sono i compagni e gli amici che deludono; è l’amante che usa l’amico per raggiungere il potere; è l’analista che scopre i segreti del paziente; è infine il padre che lascia cadere il figlio. La promessa fatta non è mantenuta, la parola data viene mancata, la fiducia diviene inganno. Il tradimento ci viene proprio da quei rapporti dove la fiducia primaria è possibile. Noi possiamo essere veramente traditi solo quando ci fidiamo veramente — da fratelli, amanti, mogli, mariti, e non da nemici o da estranei. Più grandi sono l’amore, la lealtà, l’impegno, l’abbandono, e maggiore è il tradimento. La fiducia ha in sé il germe del tradimento. Quando in una unione esiste la fiducia, il rischio del tradimento diviene una possibilità reale con cui vivere continuamente e quindi è parte della fiducia, proprio come il dubbio è parte della fede vivente.…
Vivere o amare solo quando ci si può fidare, quando si è sicuri ed accolti, quando non si può essere abbandonati o feriti, quando ciò che è stato espresso in parole è impegnativo in eterno, significa essere fuori dalle vie del male e quindi fuori della vita reale. E non importa quale sia il calice della fiducia, se la analisi, il matrimonio, la chiesa, la legge, o un qualsiasi rapporto umano… vorrei addirittura dire il rapporto col divino. Se ci viene data assicurazione che ne usciremo intatti, o addirittura arricchiti, che cosa abbiamo dato? Se saltiamo dove ci sono sempre braccia per riceverci, il nostro non è un vero salto. Il rischio dell’ascesa non esiste più — a parte l’emozione del volo nell’aria, non vi è alcuna differenza fra il secondo gradino, il settimo, il decimo, o addirittura diecimila metri più su. E’ la fiducia primaria che permette al puer di volare cosi in alto. Padre e figlio sono una cosa sola, e le virtù maschili di abilità, rischio calcolato, coraggio, non hanno importanza: Dio o papa lo afferreranno in fondo alla scala. Soprattutto è necessario non sapere in anticipo le cose. Non si deve sapere prima che questa volta nessuno ci prenderà in fondo alla discesa. Essere avvertiti significa essere premuniti e allora o non si salta più, oppure si salta a metà… ma poi succede che una volta, nonostante una promessa, la vita interviene, accade l’incidente e si cade a faccia in giù. La promessa mancata è una intrusione che la vita fa nella sicurezza del Logos, nella quale ci si può affidare all’ordine di tutte le cose e il passato garantisce per il futuro. Ma è anche l’irruzione in un altro livello della coscienza, come vedremo più avanti.Ma prima torniamo ancora alla nostra storia ed alle nostre domande. Il padre ha risvegliato la coscienza, ha cacciato il ragazzo fuori dal giardino dell’Eden, brutalmente, con dolore, ha iniziato suo figlio. Questa iniziazione ad una nuova coscienza del reale passa attraverso il tradimento, attraverso il venir meno del padre e il suo mancare alla parola data; è però un tradimento con una morale. Infatti la nostra è una storia morale, come tutte le buone storie ebree. Non è una favola esistenzialista che descrive un acte gratuite, ne una leggenda Zen tesa ad una illuminazione liberatrice, ma piuttosto una omelìa, una lezione, un istruttivo brano di vita reale.Il padre dimostra di persona che anche nel rapporto più fiducioso esiste la possibilità del tradimento. Egli svela la propria ingannevolezza, si presenta al figlio nella sua nuda umanità, rivelandogli questa verità dell’essere padre e uomo: io, padre, uomo, sono infido. L’ uomo è infido. La parola non è affatto più forte della vita. …L’iniziazione del ragazzo alla vita è l’iniziazione alla tragedia dell’adulto. Per certuni il tradimento è altrettanto schiacciante che la gelosia o il fallimento…Il momento critico del « grande abbandono » quando veniamo crocifissi dalla nostra stessa fiducia, è un momento molto pericoloso di quello che la Wickes chiamerebbe « la scelta ». Le cose potrebbero andare in due modi per il bambino che si rialza dal pavimento, la sua resurrezione è in bilico. Potrebbe essere incapace di perdonare e rimanere fissato nel trauma, pieno di risentimento, vendicativo, cieco ad ogni comprensione di ciò che spero di riuscire ad abbozzare nel restante di questa nota.Ma prima di occuparmi della possibile soluzione positiva del tradimento, vorrei attardarmi un poco sulla scelta negativa e sui pericoli che il tradimento porta alla luce. La prima di queste scelte sbagliate, anche se naturali, è il meccanismo di difesa della negazione. Se in un rapporto veniamo abbandonati, siamo tentati di negare il valore dell’altra persona, di vedere, improvvisamente, tutte le sue ombre, una panoplia di demoni perversi che naturalmente nella situazione di fiducia primaria non esistevano. Questi lati negativi, rivelatisi tutto d’un tratto, sono una compensazione, una enantiodromia di idealizzazioni precedenti e la rozzezza di queste rivelazioni indica la grossolana incoscienza in cui prima si trovava l’Anima. Cosi dobbiamo ammettere che quando il rammarico per un tradimento è molto forte, in precedenza esisteva una situazione di fiducia primaria, di innocenza infantile inconscia nella quale l’ambivalenza era repressa…Ma il mutamento improvviso da uno stato incosciente alla coscienza grezza è proprio di qualsiasi momento della verità ed anche piuttosto evidente — perciò non è questo il pericolo principale. Più pericoloso è il cinismo. Una delusione subita in amore, in un credo politico, in un gruppo, da un amico, un superiore o un analista, porta spesso ad un mutamento nella persona tradita, la quale non solo nega il valore della relazione e della persona in causa, ma l’amore in genere diviene per essa inganno, la convinzione politica è per gli imbecilli, i gruppi sono trappole, le gerarchie sono il Male e l’analisi è prostituzione, lavaggio del cervello e impostura… « Fatti furbo e tieni gli occhi aperti. Colpisci l’altro prima che sia lui a colpire tè. Bisogna far da soli. Tutto bene, Jack… » Questa è la scorza per nascondere le cicatrici della fiducia tradita. Con i frantumi dell’idealismo si rabbercia una solida filosofia di cinismo.E’ tutt’altro che impossibile incontrare questa forma di cinismo specialmente nei più giovani, poiché non si è considerato con sufficiente attenzione il significato del tradimento e particolarmente il processo di trasformazione del puer aeternus. La persona tradita giura di non salire più cosi in alto sulla scala. Rimane affondata nel mondo del cane, Kynis, cinico. Questo atteggiamento impedisce lo sviluppo verso il significato positivo del tradimento e forma così un circolo vizioso — e il cane rincorre la propria coda. Il cinismo, quel ghigno contro la propria stella, è il vero tradimento dei propri ideali, il tradimento delle proprie ambizioni più alte contenute nell’archetipo del puer. Quando questo si infrange, ogni cosa che ha a che fare con esso viene respinta e si giunge al terzo e, credo, principalmente pericolo: il tradimento di sé stessi. Il tradimento di sé è forse ciò che ci preoccupa maggiormente. Uno dei modi con cui ci si arriva è proprio la conseguenza dell’essere stati traditi: nella situazione di fiducia, nell’abbraccio amoroso, con un amico, un parente, l’analista, mettiamo allo scoperto qualcosa di noi che avevamo tenuto nascosto:« Non l’avevo mai detto a nessuno prima… » Può essere una confessione, una poesia, una lettera di amore, una invenzione o un progetto fantasioso, un segreto, un sogno o una paura infantile, che contiene quel che in noi c’è di più profondo. Con il tradimento queste perle seminali, delicate ed estremamente sensibili, divengono solo sabbia, granelli di polvere. La lettera d’amore diviene roba scioccamente sentimentale, la poesia, la paura, il sogno, l’ambizione, vengono ridotti a qualcosa di ridicolo, rozzamente derisi, definiti volgarmente « merde », robetta da niente. Il processo alchemico è rovesciato: l’oro è ridotto di nuovo a feci e le perle sono gettate ai porci. I porci non sono gli altri, dai quali dobbiamo tenere nascosti i nostri valori segreti, ma sono invece le rozze spiegazioni materialistiche, la ottusa riduzione di ogni cosa all’istinto sessuale e al desiderio del latte materno, che spiegano tutto indiscriminatamente. E la nostra insistenza porcina nel dire che la cosa più bella era in realtà la peggiore non è altro che il sudiciume in cui gettiamo via i nostri valor più preziosi. E’ una strana esperienza trovarsi a tradire se stessi, rivolgersi contro le proprie esperienze dando loro i valori negativi dell’ombra ed agendo contro le proprie intenzioni ed il proprio sistema di valori. Nella rottura di un’amicizia, di una relazione, di un matrimonio, di un rapporto amoroso o di una analisi, tutta la bruttezza e la sporcizia si fanno improvvisamente avanti e si agisce nella stessa maniera cieca e sordida che si attribuisce all’altro; si giustificano le proprie azioni con un sistema di valori che ci è estraneo. In questo momento si è veramente traditi, dati in mano ad un nemico interno. E allora i porci si volgono contro di noi e ci sbranano.Questa alienazione da noi stessi dopo il tradimento è estremamente protettiva. Non vogliamo essere più colpiti e poiché la ferita venne proprio dall’aver rivelato come siamo fatti, cominciamo con l’evitare accuratamente di ricascarci. Cosi fuggiamo e tradiamo noi stessi non vivendo la nostra condizione esistenziale (una divorziata di mezza età senza nessuno da amare) o il nostro sesso (« ne ho abbastanza degli uomini e sarò spietata come loro ») o il nostro tipo (« II mio sentimento, o intuizione, o qualsiasi altra cosa, era completamente sbagliato ») o la nostra vocazione (« La psicoterapia è uno sporco affare »). Infatti siamo stati traditi proprio nella fiducia che avevamo posta in questi fatti fondamentali della nostra natura. Cosi rifiutiamo di essere ciò che siamo, cominciamo ad ingannarci con scuse e pretesti e il tradimento di sé diviene niente altro che sofferenza non autentica. Non si vive più la propria forma di sofferenza, ma si tradisce se stessi per mancanza di coraggio di essere. Oltre alla negazione, al cinismo e all’auto- tradimento c’è però un’altra possibile soluzione negativa, un altro pericolo, che chiameremo paranoide.Anche questo è un modo di proteggere se stessi da un nuovo tradimento, creare cioè un rapporto perfetto. Rapporti di questo genere richiedono il giuramento di lealtà e non tollerano incertezze nella loro stabilità. Il motto è: « Non mi devi abbandonare mai ». L’inganno deve essere respinto con affermazioni di fiducia, dichiarazioni di fedeltà eterna, prove di devozione, giuramento di segretezza. Non devono rimanere fessure; il tradimento deve essere escluso. Ma se il tradimento coesiste con la fiducia, come seme contrario in essa sepolto, l’esigenza paranoide di un rapporto senza possibilità di tradimento non può basarsi sulla fiducia, ma è piuttosto una convenzione intesa a escludere il rischio. Come tale appartiene più al potere che all’amore. E’ un ripiegamento verso un rapporto-logos rafforzato dalla parola, ma non sostenuto dall’amore…. La distorsione paranoide delle relazioni umane è veramente grave. Quando un analista (o marito, amante, discepolo, amico) tenta di soddisfare le esigenze di un rapporto paranoide dando assicurazioni di lealtà ed escludendo di forza lo inganno, si allontana sicuramente dall’amore. Infatti, come abbiamo già visto e vedremo ancora, l’amore e l’inganno provengono dallo stesso lato sinistro.

Vorrei ora tralasciare la questione del significato che il tradimento ha per il figlio, per colui che viene tradito, per ritornare ad un’altra delle domande che ci eravamo posti:· cosa può significare il tradimento per il Padre? · Può essere che la capacità di tradire appartenga alla qualità di padre? Esaminiamo ulteriormente il problema: il padre della nostra storiella non dimostra semplicemente la sua imperfezione umana, cioè non si limita semplicemente a non afferrare il figlio. Il suo non è solo errore o debolezza. Egli decide consciamente di farlo cadere e di procurargli dolore e umiliazione: manifesta la sua brutalità…L’immagine paterna — quella figura giusta, saggia, misericordiosa — rifiuta di intervenire in un modo qualsiasi per migliorare le sofferenze che essa stessa ha provocato. Il padre rifiuta di render conto di sé. Il rifiuto di una spiegazione significa che questa deve venire, nel caso, dalla parte offesa. Dopo un tradimento non si è davvero in condizioni di ascoltare le spiegazioni dell’altro e questo è, credo, uno stimolo creativo. E’ la persona tradita che deve in qualche modo resuscitare se stessa, fare un passo avanti per mezzo della sua interpretazione dell’accaduto; ma può essere creativa solo a patto di non cadere negli errori descritti sopra e rimanervi invischiato. Nella nostra storiella il padre da una spiegazione. Si tratta dopo tutto di una lezione, l’azione stessa è educativa come una iniziazione, mentre invece nei racconti archetipici e nella maggior parte dei casi della vita comune, il tradimento non viene spiegato all’altro dal traditore, poiché si compie attraverso il lato sinistro autonomo, inconsciamente. Però, nonostante le spiegazioni, la nostra storia mantiene intatta la sua brutalità. L’uso conscio della brutalità sembra essere una caratteristica comune alle figure paterne. Il padre ingiusto riflette la slealtà della vita: quando si dimostra irraggiungibile al grido d’aiuto ed al bisogno dell’altro, quando arriva ad ammettere che la sua promessa è fallibile, egli riconosce che il potere della parola può essere sopraffatto dalle forze della vita. Questa coscienza dei suoi limiti maschili e della sua durezza di cuore comporta un alto grado di sviluppo del debole lato sinistro, da cui deriva capacità di sopportare la tensione senza agire, sbagliare senza tentare di rimettere le cose a posto, lasciare che gli avvenimenti determino i princìpi. Significa inoltre che sì è superato in certa misura quel senso di colpevole disagio che trattiene dal compiere in piena coscienza azioni brutali, ma necessarie. (Per brutalità conscia io non intendo ne la brutalità deliberatamente perversa, intesa a rovinare qualcuno, ne la brutalità sentimentale, come la vediamo a volte in letteratura, nei films o nel codice dei soldati).La colpa inquieta, l’intenerimento, rendono le azioni ambivalenti. L’Anima non è del tutto all’altezza del compito, ma il duro cuore del padre non è ambivalente. Egli non è crudele con una mano e pietoso con l’altra. Non tradisce e poi prende il figlio tra le braccia dicendo: « Povero piccolo; ha fatto più male a me che a te».Nell’analisi, come in ogni posizione di fiducia, siamo a volte costretti in situazioni dove qualcosa richiede un’azione consciamente brutale, un tradimento della fiducia dell’altro. Rompiamo una promessa, non siamo presenti quando c’è bisogno di noi, lasciamo cadere l’altro, alieniamo un sentimento, tradiamo un segreto, e non spieghiamo ciò che abbiamo fatto, ne stacchiamo l’altro dalla sua croce, o lo aiutiamo a rialzarsi in fondo alle scale.Queste sono brutalità — e noi le compiamo più o meno consciamente e dobbiamo essere responsabili e mantenerle, altrimenti l’Anima impoverisce le nostre azioni, le rende indifferenti e ambivalenti.…In altre parole, la nostra conclusione al problema: « Cosa significa il tradimento per il padre »? è questa: la capacità di tradire gli altri è affine alla capacità di guidare gli altri. La paternità totale è ambedue le cose. Poiché lo scopo della guida psicologica è che l’altro divenga autosufficiente, ad un certo momento sarà necessario abbandonarlo a sé stesso, privarlo di ogni aiuto umano e lasciarlo ad esperimentare il tradimento nella sua interiorità, dove egli è solo.Come dice Jung in « Psicologia e Alchimia » (pp. 39); « ..poiché so per esperienza che ogni coazione, che si tratti di una lieve suggestione o di persuasione, o di qualsiasi altro mezzo di alterazione, non fa altro, in ultima analisi, che ostacolare l’esperienza più alta e più decisiva, cioè il trovarsi soli col proprio « Selbst » o qualsiasi altro nome si voglia dare all’oggettività dell’anima. Essi devono esser soli, non c’è scampo, per fare l’esperienza di ciò che li sorregge quando essi non sono più in grado di sorreggersi da sé. Soltanto questa esperienza può dar loro una base indistruttibile.Dobbiamo subito dire che il perdono non è cosa facile. Se l’Io è stato offeso, non può perdonare solo perché « dovrebbe », anche se conscio del contesto di amore e destino. L’io è reso vitale dal suo amor proprio, dal suo orgoglio e dal suo onore. Anche quando si vuoi perdonare, ci si trova impossibilitati a farlo poiché il perdono non viene dall’Io, lo non posso perdonare direttamente, posso solo chiedere o pregare che questi peccati siano perdonati. Probabilmente tutto ciò che l’Io può fare è volere che venga il perdono e aspettarlo; il resto deve venire, se viene, dal Sé.Il perdono, come l’umiltà, è solo una parola per colui che non è stato umiliato o offeso fino in fondo. Il perdono ha significato solo quando l’Io non può né dimenticare nè perdonare; e i nostri sogni non ci permettono di dimenticare. Chiunque può perdonare un insulto di poca importanza, un affronto personale. Ma se si è stati coinvolti passo per passo in una situazione la cui essenza era la fiducia stessa, se la propria anima è stata messa a nudo ed è poi stata tradita profondamente, abbandonata ai suoi nemici, esterni o inferiori (quei valori-ombra descritti sopra, in cui le possibilità di un nuovo amore fiducioso sono state ferite senza scampo da difese paranoidi, auto tradimento, cinismo) allora il perdono assume un grande significato. Può benissimo darsi che il tradimento non abbia altro risultato positivo che il perdono, e che l’esperienza del perdono non sia possibile che quando si è stati traditi. Si tratta allora di perdono e non di oblio, il ricordo del torto trasformato entro un contesto più largo, o come si è espresso Jung, il sale dell’amarezza trasformato nel sale della saggezza.Anche questa saggezza, come Sophia, è un contributo femminile alla mascolinità e le da quel contesto più ampio che l’Io non può raggiungere da solo. In questa sede io definirei la saggezza come unione di amore e necessità, in cui il sentimento può finalmente scorrere libero nel nostro destino, riconciliandoci con gli avvenimenti. Proprio come la fiducia ha in sé il seme del tradimento, il tradimento ha in sé il seme del perdono. Questa potrebbe essere la risposta all’ultima delle domande che ci eravamo posti:· « Che posto occupa il tradimento nella vita psicologica? ». Ne la fiducia ne il perdono possono essere compresi fino in fondo senza il tradimento. Il tradimento è il lato oscuro di ambedue, ciò che da loro significato e li rende possibili. Questo forse ci spiega perché il tradimento sia un tema cosi forte nelle nostre religioni. Esso è forse la porta che apre all’uomo esperienze religiose tanto alte come il perdono e la riconciliazione coi silenzioso   labirinto della creazione.Ma il perdono è cosi difficile che probabilmente ha bisogno di una certa partecipazione anche da parte dell’altro, cioè del traditore. Con ciò voglio dire che il torto, se non è ricordato da ambedue le parti — e ricordato come torto, — ricade tutto sul tradito. Il contesto più ampio in cui si è verificata la tragedia sembrerebbe richiedere sentimenti paralleli da ambedue gli attori: essi sono ancora in rapporto l’uno con l’altro, nel nuovo ruolo di traditore e tradito. Ma se solo il tradito percepisce l’offesa, mentre l’altro ci passa sopra con razionalizzazioni, il tradimento è ancora in atto, è addirittura accresciuto. Questo schivare ciò che è realmente accaduto è, di tutte le amarezze, la più acuta per il tradito. Il perdono diviene più difficile, il risentimento cresce perché il traditore non porta la sua colpa e l’azione non è onestamente conscia. Jung ha detto che il significato dei nostri peccati è che noi li portiamo su di noi stessi, cioè non li scarichiamo su altri per farglieli portare invece nostra. Ma per portare i propri peccati, bisogna prima riconoscerli. Psicologicamente portare un peccato significa semplicemente riconoscerlo e ricordarlo. Tutte le emozioni connesse con l’esperienza dei tradimento fatta da ambedue le parli — rimorso e pentimento nel traditore, risentimento e vendetta nel tradito — premono verso lo stesso punto psicologico: il ricordo. Il risentimento in particolare è una afflizione emotiva della memoria che il perdono non potrà mai reprimere completamente. · Perciò non è meglio ricordare un torto, piuttosto che tentennare con ambivalenza fra l’oblio e risentimento? Sembra che queste emozioni abbiano lo scopo di evitare che un’esperienza si dissolva nell’inconscio. Esse sono il sale che preserva l’avvenimento dalla decomposizione: con l’amarezza ci costringono a conservare la fede ed il peccato. In altre parole, un paradosso del tradimento è la fedeltà che il traditore e il tradito mantengono, dopo l’avvenimento, alla sua amarezza. Questa fedeltà ce l’ha anche il traditore: infatti se io sono incapace di ammettere di aver tradito qualcuno, o se cerco di dimenticarlo, sono nei guai, poiché il contesto più ampio di amore e fatalità della mia azione, dell’intero avvenimento, va perso. Non solo io continuo ad offendere l’altro, ma offendo anche me stesso, poichè mi sono precluso la possibilità di perdonarmi. Non posso diventare più saggio, ne ho qualcosa con cui riconciliarmi. Per queste ragioni io credo che il perdono dell’uno probabilmente richiede l’espiazione dell’altro. Espiazione è mantenere il comportamento silenzioso del padre, quale è stato descritto fin qui. Egli porta la sua colpa e la sua sofferenza. Sebbene comprenda fino in fondo ciò che ha fatto, non lo spiega all’altro, e con ciò espia, cioè introietta l’accaduto. Sia chiaro che questa espiazione non tende a tranquillizzare la coscienza o ad appianare la situazione.· Non deve forse tenere presente in qualche modo anche l’altra persona? Penso che questo punto non possa essere trascurato, poiché noi viviamo in un mondo umano anche se vittime di temi cosmici come la tragedia, il tradimento, il fato. Il tradimento può essere parte di un contesto molto ampio, essere un tema cosmico, ma queste cose ci raggiungono sempre allo interno di rapporti individuali, attraverso una persona che ci è vicina, una immediata intimità. Se gli altri sono strumenti degli dei per portarci la tragedia, sono anche il mezzo col quale possiamo espiare verso gli dei. Le condizioni mutano all’interno stesso della situazione personale nella quale si sono verificate. · E’ abbastanza espiare solo verso gli dei? · Siamo assolti in questo modo? · La tradizione non accoppia la saggezza con l’umiltà? L’espiazione, come il pentimento, può anche non essere expressis verbis, ma è forse più efficace se si manifesta in qualche forma di contatto con l’altro, in pieno riconoscimento dell’altro. E, dopo tutto, questo il pieno riconoscimento dell’altro non è proprio l’amore?…
(Trad. di M. TALARICO)

Grazie James Hillman – Il grande psicoanalista ‘angelico’ (1926 – 2012)

vedi l’articolo:  I bambini di Hillman hanno l’angelo custode

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Manuale cover definitiva

Immagine1     Questi libri sono disponibili con spedizione al proprio domicilio  in circa una settimana (e con varie modalità) . Si può ottenere sconto sulle spese di spedizione, iscrivendosi con una account a www.lulu.com , e richiedendolo con una mail all’ufficio ordini nel sito.

 

6 Comments on “Il tradimento nella coppia

  1. I fattori che possono contribuire al tradimento sono molti e dipendono dalla storia della coppia, dalla capacità gestire i conflitti e di risolvere i problemi.
    Ci sono problemi che anticipano il tradimento, questo può rappresentare l’esito finale di un disagio presente da tempo. Una delle cause più frequenti è l’evitamento dell’intimità. Intimità intesa come la possibilità di aprirsi al proprio partner e condividere se stessi per come realmente si è. Non si può provare gioia in una relazione nella quale non è consentito essere se stessi. Nei commenti che ho letto con vero piacere ho sentito tra le righe il calore dell’autenticità, il senso del “perdono” per se stessi e per l’altro, nonostante il dolore. Cosimo Aruta

  2. Sono davvero toccata e commossa da questo articolo, dalla sua schiettezza e concretezza insieme all’intreccio complesso di significati a volte molto controintuitivi, dove si sperimentano emozioni da diversi punti di vista ripercorrendo la rete del passato di ognuno che si è sentito così profondamente tradito, traditore e allo scoperto. Non ho parole e posso dire solo GRAZIE per l’onestà, la compassione e l’integrità che rivela in ogni immagine. Mi è parso di avere fatto un viaggio dentro ad un fitto mosaico che mi ha lasciato un senso di pace, chiarezza e di possibile perdono.

  3. Parlo da donna, che si è innammorata e che ha sposato un uomo di cui è sempre stata innammorata e , proprio perciò, non ha mai pensato ad un altro perchè pensava che lui fosse innammorato come lei di lui, a tal punto da non desiderare un’altra persona. Poi perè lei scopre che lui l’ha tradita e la tradisce e lei, delusa, lo lascia perchè pensava che il loro rapporto fosse speciale: si erano scelti in libertà e si amavano. Molti non condividono la scelta di lei di lasciarlo, colpevolizzandola perchè non ha ancora capito che l’uomo è incline alle tentazioni, anche se recidivo, e che avrebbe fatto bene a tenerselo nel proprio letto, pur se se fedigrafo, perchè un uomo non direbbe mai di no ad altra donna, altrimenti ne andrebbe della sua virilita’.

  4. Si parla di tradimento in un rapporto d’amore, ma credo che se fosse amore non si potrebbe parlare di tradimento. Occorre allora chiarire cosa s’intende per “amore”. A mio parere, ciò che spesso viene chiamato “amore” e che può essere piacevole ed entusiasmante per un pò, è invece un attaccamento che causa dipendenza, una situazione di unione per il soddisfacimento dei reciproci bisogni e che può trasformarsi nel suo contrario in un batter d’occhio. Molti rapporti “amorosi” una volta passata l’euforia iniziale, in realtà oscillano fra “amore” e odio, attrazione e attacco. Nell’amore vero non può esserci sofferenza, non può trasformarsi improvvisamente in odio. Così come la vera gioia non si trasforma in dolore.
    Diversa è la situazione nella storiella ebrea, dove un genitore, nel momento in cui sceglie di generare, dovrebbe aver maturato una sufficiente consapevolezza di ciò che dovrebbe fare, ossia essere in grado di compiere la funzione di genitore senza identificarsi con essa, cioè senza farla diventare un ruolo. Parte della necessaria funzione di genitore è quella di provvedere alle necessità del piccolo, proteggerlo dai pericoli e dire al bambino ciò che deve o non deve fare , ed aiutarlo ad elaborare i traumi che inevitabilmente ogni bambino vive quando non ha ancora i mezzi per un’adeguata elaborazione.
    Per passare poi velocemente al perdono, credo che non ci sia modo migliore di “raccontarcela”. Se occorre perdonare significa che c’è lo sforzo di andare oltre ciò che pensiamo di aver subito, e se c’è sforzo non è perdono. Se abbiamo perdonato, non c’è bisogno di farlo,è già così. La consapevolezza è il mezzo per il cambiamento. Vivere consapevolmente ogni cosa che la vita ci riserva nella quotidianità.
    Mi rendo conto di quanto sia stata sintetica nel mio commento, ma con tutto il materiale messo a disposizione ci vorrebbe troppo tempo per “commentare” in modo adeguato. Mi avete regalato l’opportunità di riflettere in merito alla vita. Vi ringrazio e vi auguro un arcobaleno di gioia . nives.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Albedoimagination

Albedoimagination è un'iniziativa no-profit
L'impiego delle immagini, per quanto possibile è stato segnalato agli autori citati nelle didascalia.

Per qualunque esigenza di inserimento dati o di cancellazione delle immagini preghiamo di contattarci, provvederemo immediatamente (vedi contatti).

Iscriviti alla NewsLetter

* = campo richiesto!