SE L’AMORE DIVENTA UN INFERNO (+ AIP Test gratuito)

Rizzoli -in tutte le librerie (425 pag.)




SE L’AMORE DIVENTA UN INFERNO

Pier Pietro Brunelli

(Rizzoli, 2016.)

Nuovo libro per il benessere psicologico della vita amorosa (450 pagine, in tutte le librerie)

Clicca quisconto Amazon e arriva a casa in un giorno

COPERTINA LIBRO

 Test gratuito AMORE, INFERNO E PARADISO

Clicca  sull’immagine qui sotto per scaricarlo in PDF con la presentazione del libro

Dettaglio  scritto AIP

4 Comments on “SE L’AMORE DIVENTA UN INFERNO (+ AIP Test gratuito)

  1. Dottore
    la segue da un po’ ma lei non pone Mai l’accento sulla “malattia” delle vittime del narcisista ( io sono stata una di quelle.) la malattia si chiama “codipendenza”. Vivo negli Stati Uniti e dopo molto soffrire sono guarita perché il mio terapeuta qui mi ha trattata anche a me da malata. L’unico manuale da scrivere, caro dottore se vuole veramente aiutare le persone che sono in questa relazione con un narcisista è’ un manuale su come iniziare e continuare è mai rompere il “NO CONTACT”. I metodi sono tali e quali del recupero dell’alcolista o del tossicodipendente.Solo la realizzazione della nostra malattia -la codipendenza- che è come un microchip nel nostro cervello che ci spinge a mandare il messaggio, a rispondere alle sue telefonate ad esserci ancora.. Quando sentiamo questo impulso dobbiamo dargli un nome: è’ la nostra malattia che parla. E bisogna sempre ricordarsi che vale the Law of Addiction: basta un bicchiere e si ridiventa alcolisti. Quindi NO CONTACT significa non vederlo non sentirlo non frequentare gli stessi amici, non andare nei posti dove lo si può’ incontrare non chiedere di lui, non frequentare la sua famiglia, non accettare la carta dell’amicizia. Ma poche parole non bastano perché ripeto la nostra è una vera e propria malattia e come tale va presa.
    Saluti

    • L’importante che per lei sia andata bene. Poi per arrivare al no contact ci vuole un po’ di lavoro che cambia caso per caso. Poi devo dire che io ho sempre insistita sulla ferita narcisistica e l’attaccamento morboso che si viene a creare. Ho usato la metafora del ‘porgere il collo al vampiro’ per far comprendere come si diventi poi vittime di se stessi e del proprio vampiro interiore. Comunque sono d’accordo sul no contact, il punto è che però bisogna arrivarci. Inoltre non si tratta solo di liberarsi dal ‘vampiro esteriore’, ma di trasformare la sofferenza in una esperienza di crescita e trasformazione personale che riabilita rispetto a un nuovo modo di sentire e di vivere l’amore.
      Grazie del contributo e cordialissimi saluti

  2. Buondi, per meno teoria è più sul “come fare” quale mi cosiglia tra quest’ultimo e il primo sugli amori distruttiv e vampirizzanti? Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Albedoimagination

Albedoimagination è un'iniziativa no-profit
L'impiego delle immagini, per quanto possibile è stato segnalato agli autori citati nelle didascalia.

Per qualunque esigenza di inserimento dati o di cancellazione delle immagini preghiamo di contattarci, provvederemo immediatamente (vedi contatti).

Iscriviti alla NewsLetter

* = campo richiesto!