Depressione, ingiustizie e mali globali

Il peggiore degli atteggiamenti è l’indifferenza, dire “io non posso niente, me ne infischio”. Comportandovi così, perdete una delle componenti essenziali che ci fa essere umani. Una delle componenti essenziali: la facoltà di indignazione  e l’impegno che è la diretta conseguenza. 

(Indignez-vous, Stéphane Hessel, 2010)

IGNAVIA, NARCISISMO O INDIGNAZIONE?

downloadChe effetti ha sulla nostra psiche constatare che il mondo è così pieno di ingiustizie, dolore, disumanità? Miseria, guerre, morte in mare degli immigrati, persecuzioni, inquinamento… E’ inevitabile che tutto ciò abbia una sua ripercussione nell’inconscio collettivo e diventi causa inconscia di varie forme di depressione a livello individuale. Affinchè ciò non avvenga si è indotti a ‘fregarsene’, a diventare narcisisti spietati, che si interessano solo del proprio ego, fino al punto di contribuire, nel piccolo e nel grande, ad esasperare il clima di ingiustizia e a considerare gli altri solo come cose da utilizzare. Si prefigurano orizzonti limitati, dove si fa come lo struzzo e si nasconde la testa sotto la sabbia per non vedere. Ci si ottunde la mente con il consumismo e tutto ciò che pare essere gratificante e si giustifica come una difesa un evidente egoismo. Si vive come ignavi, che tirano avanti come cavalli da tiro con il paraocchi… Tutte queste modalità di relazionarsi ai mali del mondo finiscono poi con il generare altri mali, e comunque diventano depressogeni,  per gli altri e alla lunga anche per se stessi. Come psicoterapeuta sono certo che esprimere in qualche modo l’indignazione e la concreta solidarietà, fa bene, non solo ad altri, ma anche a se stessi, perché ‘l’arte di essere umani’, ha bisogno di ‘vivere nel viviamo’, e quindi con la capacità di esperire un senso d’amore collettivo e universale…  Sebbene scrivere o parlare e riflettere – per quanto siano attività oneste e ragionate –  possano essere ridotte ad una dimensione di improduttivo ‘facta no verbam’ , soprattutto oggi, non è così, infatti è quanto mai urgente ‘prendere coscienza’ e fare in modo che la coscienza non venga egemonizzata da modelli dominanti uniformanti, unilaterali, normatizzanti e all’insegna di un unico “pensiero unico”.  Perciò anche grazie ai media digitali, che vanno quanto più resi accessibili a tutti, è importante comunicare e dialogare, con scritti, eventi, arti, dibattiti e testimonianze, per ‘liberare il pensiero dalle manipolazioni mediatico-consumistiche’ e diffondere nuove e determinanti  ‘prese e pretese di coscienza’.

IL MALE CHE VIENE DA IDEE MALATE

quaderni-lettera5Come ha saputo straordinariamente esprimere lo psicoanalista James Hillman – fondatore della ‘psicologia archetipica’ in continuità con il pensiero di Carl Gustav Jung – i nostri problemi psicologici, le nostre malattie mentali, non sono solo una questione individuale e non è quindi sufficiente una terapia che non tenga conto del contesto psicoculturale in cui viviamo. Il nostro malessere psicologico è dovuto anche alle idee malate che circolano intorno e dentro di noi, soprattutto qualora non ce ne rendiamo conto, e ne siamo allora tanto più condizionati. Le idee malate generano fatti malati che ci ammorbano l’esistenza! Viviamo in un mondo psicopatologico, governato da ‘idee malate’ che si impossessano di gruppi di persone che impongono queste malattie al mondo. E’ così che si impongono forme di governo  prepotenti maligne e vampirizzanti, cioè tirannie che possono agire nell’ombra, attraverso la manipolazione, attraverso la diffusione di idee malate che si impossessano anche dei loro sudditi, i quali in tal modo vengono controllati e schiavizzati a partire dal loro inconscio, dai loro stessi pensieri che in realtà non sono i ‘loro’, ma sono indotti come un’infezione, come un’epidemia silente. Nell’antica medicina cinese, ma anche in quella ippocratica , gli organi del corpo che sono considerati in modo psicosomatico, cioè in modo olistico rispetto alla mente e all’anima, hanno una precisa analogia con le forme di governo della società, e quindi le malattie e le disfunzioni sociali hanno un loro correlato leggibile nelle malattie dei corpi e delle menti. Le arti della politica, come cura della ‘salute pubblica’, e della terapia come cura della ‘salute privata’ sono per diversi aspetti, non soltanto due metafore parallele, ma due piani che si intersecano interagenti. questaeconomiauccide-214x300Quanto più non siamo in grado di vedere con empatia, ragionevolezza e compassione  le malattie sociali e del pianeta, tanto più la nostra psiche patisce e si ammala per mancanza di spirito, l’energia vitale si vizia e si indebolisce, ed anche la nostra salute psicosomatica diventa più fragile. Ciò che non turba la coscienza, magari assuefatta ad accettare un mondo malatissimo, rimuovendolo dalle proprie preoccupazioni, girandosi dall’altra parte come qualcosa che tanto non si può affrontare se non ricavandone qualcosa per se stessi, tanto più l’inconscio viene turbato, in quanto in esso vi è una carica archetipica ed istintiva che ha bisogno di uscire dall’egoismo e di tutelare non solo la propria individualità, ma la specie animale e la natura alla quale appartiene. Se la specie è malata, la natura è malata, anche l’individuo nel suo inconscio si ammala, e queste malattie si manifestano nella forma di disturbi e disfunzioni individuali – ansie, depressioni, bipolarismi, ossessioni e manie – che per essere curate necessitano di una consapevolezza che non riguarda solo la vita personale, ma anche quella della società e del mondo in cui viviamo. Si tratta di una consapevolezza del proprio ‘essere nel mondo’ , del proprio Sé, che non è solo il proprio Io, ma è una funzione che rende la soggettività come partecipe dell’Universo, e la rende quindi ‘spirituale’ oltre che ‘ragionevole’. L’anima-psiche per essere curata, per nutrirsi ha bisogno di ‘spirito e ragione’, e quindi di una visione di se stessi che non viene marginalizzata e deformata all’’ombra delle maggioranze silenziose’ che spingono a rifugiarsi nella soluzione dei propri problemi, o in un ‘conosci te stesso’, pseudo ascetico, che rinuncia a capire il mondo in cui si vive e ‘lo spirito del mondo’ in nome di una consapevolezza interiore depurata dalla ‘mondanità’. In realtà il mondo esteriore è anche dentro al mondo interiore e lo condiziona.

Non si può più nascondere la virulenza delle orrende ambiguità socioculturali, economiche, politiche, rispetto ad un’analisi individuale. Perciò una diagnosi ed una terapia dovrebbero invece impegnare ad una ‘cura di sé’, contestualmente ad una ‘cura della collettività’, e quindi della società e della cultura. Fino a che punto i nostri problemi sono proprio i ‘nostri’? E fino a che punto si sono infiltrati in noi da idee, credenze e convinzioni che ci sono inoculate dalla cultura, dalla pubblicità, ad esempio, o da una manipolazione disinformativa rispetto al mondo in cui viviamo? soldi-e-fed-567-col-contr-liv-011580Se consideriamo che eminenti studiosi, accettando in modo più o meno complice o collusivo, di dedicarsi a sofisticate teorie e analisi di marketing che oggi le marche – brands – sono considerabili come ‘persone’, si può meglio comprendere come mai le persone si sentano marche, e come mai il loro problemi di narcisismo patologico o di ferita narcisistica siano leggibili anche come difficoltà a vendersi o a dominare il ‘mercato delle anime’, mentre si resta facilmente esclusi o espulsi dal ‘mercato del lavoro’. In queste ambiguità psicoeconomiche viene snaturato anche il potenziale trasformativo, conoscitivo e solidale dei social network che inconsciamente diventano vetrine, più o meno di successo, o più o meno fallimentari, per competere e vendere la propria ‘merce’, cioè se stessi (spesso anche con vere e proprie manovre di falsificazione, edulcorazione e spionaggio industriale che finiscono con il rovinare la privacy e i sentimenti di se stessi e degli altri). 7535425Allora possiamo ancora chiederci, ad esempio, come può  il nostro sistema emotivo non reagire ‘male’, con  un qualche sintomo o sindrome patologica rispetto all’esposizione continua di messaggi di Tv e giornali e altri media che, da una parte inneggiano al godimento di un benessere ideale e materiale, al ‘paradisiaco cabaret dei consumi’ (per chi può, altrimenti resta un’allucinazione), e da un’altra parte ci mostrano delitti, atrocità, ingiustizie, morte e mortificazioni della vita umana e di quella dell’ambiente? Su una doppia pagina di una rivista o di un giornale, o tra uno spot televisivo e un telegiornale, siamo incalzati da un continuo bipolarismo mediatico che sottopone il nostro sistema psicoemotivo a continui sbalzi umorali disforici ed euforici, come mai poteva avvenire in epoche precedenti. E allora perché non vedere, ad esempio, un’ inquietante ‘convergenza parallela’ tra il dilagare dell’anoressia mentale nelle società ‘opulente’ e la fame e la miseria di massa? downloadForse che l’inconscio di alcune persone reagisca rifiutando il cibo, e quindi la materia, in quanto ha un bisogno di spirito che viene mortificato e violentato, non solo a causa di una condizione di incomprensione famigliare e relazionale, ma da una dimensione sociale che in nome di ragioni economiche volte ad un’efficienza tutta materiale è omertoso ed inefficace dinnanzi  alla morte per fame?

IMPEGNARSI PER IL MONDO VUOL DIRE EMANCIPARE SE STESSI

download-1Dunque, se non comprendiamo il mondo esteriore non possiamo neppure renderci conto di come questo venga interiorizzato nella nostra fantasia, nella nostra immaginazione, nei sentimenti, nella sessualità, con tutto danno della salute mentale e di una vita che potrebbe comunque essere migliore se vissuta con maggior coscienza e maggiore possibilità di liberare nuove idee. Se non si elaborano e si possiedono nuove idee, veniamo posseduti da quelle troppo vecchie e malate, che sono poi il pregiudizio su cui si fonda il falso potere dei pre-potenti. Come si vede la parola pre-potente indica che in realtà vi è un’impotenza che precede la potenza, un essere dominati dal bisogno di dominare, un pre-varicare, perché altrimenti non si riuscirebbe a ‘varcare’… perciò ciascuno deve fare i conti con i pre-potenti, ma anche con la sua pre-potenza interiore che impedisce di acquisire una vera potenza matura, la quale consiste nell’emanciparsi e nell’acquisire il potere di essere liberi, nel senso di non essere condizionati da idee e pregiudizi imposte dalla prepotenza, e di impegnarsi verso una libertà che deve essere tale per tutti, altrimenti ritorna ad essere pre-potenza.

IL DIO DENARO ODIA IL BENE COMUNE

download-2Questi concetti li  spiega assai a fondo James Hillman nel suo libro Forme del potere (1965)  facendo  osservare che innanzitutto è importante comprendere le idee pre-potenti dell’economia patologica e patogena che sta continua a massacrare il mondo, a livello individuale e collettivo. Dice Hillman:

L’Economia è differente dagli altri imperi del mondo, dato che non dipende né dalle legioni romane, né dalle navi da guerra inglesi, o dalla polizia segreta, o dalle riserve di armi nucleari. Il suo potere, come quello delle religioni, è stato interiorizzato. Governa con mezzi psicologici. E’ l’Economia a determinare chi è incluso e chi è marginalizzato, distribuendo premi e punizioni quali ricchezza e povertà, vantaggi e svantaggi. Proprio perché questa interiorizzazione delle sue idee è così indiscutibilmente e universalmente accettata, è l’Economia il luogo ove risiede l’inconscio e dove il bisogno di analisi psicologica è maggiore. Non è più la nostra vita personale il luogo dell’inconscio – tutte le sedute terapeutiche, i gruppi di recupero e i consultori familiari, tutti i talk-show pomeridiani e le soap-opera hanno spalancato i ripostigli delle passioni e delle sofferenze private. L’inconscio è esattamente quello che la parola dice: ciò che è meno conscio perché è più usuale, più familiare, più quotidiano. E’ questo il ciclo quotidiano del business. 3176170Proprio perché governano il mondo, le idee di business, specialmente l’idea che sostiene il suo potere – l’idea stessa del potere – deve diventare uno dei punti centrali per ogni psicologia che voglia tentare di capire i membri della società attuale. Il business non è semplicemente un fattore, una componente fra le molte che influiscono sulla nostra vita. Le sue idee costituiscono le trame e l’ordito fondamentali e imprescindibili su cui sono tessuti i modelli dei nostri comportamenti. Non si può sfuggire dall’Economia. Affrontare separatamente il tema del profitto, il desiderio di possesso, gli ideali dell’equa redistribuzione e della giustizia economica, il risentimento nei confronti del fisco, le fantasie di inflazione e di depressione, l’interesse per il risparmio, così come ignorare le psicopatologie del commerciare, del collezionare, del consumare, del vendere e del lavorare, e tuttavia pretendere di comprendere la vita interiore delle persone nella nostra società, sarebbe come analizzare i contadini, gli artigiani, le dame e i nobili della società medievale ignorando la teologia cristiana, come se fosse un fatto irrilevante. Oggi la nostra teologia è l’Economia, indipendentemente da come impieghiamo la domenica. Oggi l’Economia è l’unico effettivo culto sincretistico superstite, la nostra unica fede ecumenica,. Fornisce il rituale quotidiano che unisce cristiani, induisti, mormoni, atei, buddhisti, sikh, avventisti, animisti, evangelisti, musulmani, ebrei, fondamentalisti e new ager, in quel tempio comune che accoglie tutti allo stesso modo e dal quale i mercanti non sono stati cacciati: la banca svizzera (1995:12).

thomas-pikettyEd eccoci giunti al punto: le banche, il capitale finanziario, la borsa, le istituzioni monetarie… ed ecco che si scopre che attraverso questi luoghi l’economia diventa assai simile alla magia, al gioco d’azzardo, alla fiducia nella fortuna. La parola “Economia” è derivata da Oikos, che vuol dire ‘casa  collettiva’’habitat comune’, e Nomos, che vuol dire legge e regole concordate per amministrare, produrre e distribuire ordinatamente a favore del Oikos.Ma quali sarebbero le regole non puramente formali, ma sostanziali, che regolano l’economia dei mercati e della finanza oggi? I mercati, si sa, con il neo-liberismo hanno assunto la regola della deregulation, cioè avrebbero in se stessi un dispositivo virtuoso che si regola da sé. Sebbene ciò con tutta evidenza non sembra sia vero, si insiste in un’atteggiamento fideistico, e cioè come in ambito magico-sacrale bisogna avere fede, cioè fiducia nella ‘sorte dei mercati’, nella speranza di nuovi ‘miracoli economici’. Ma è in banca, cioè nella finanza e nella moneta, che l’economia non può contare propriamente su una fede teologica, su un principio supremo e super partes di autoregolazione da ingraziarsi. Nella finanza le leggi divine del mercato che in qualche modo premierebbero i bravi e punirebbero i cattivi non sussistono.  In campo finanziario la devozione non riguarda tanto un credo religioso, quanto di tipo magico-propiziatorio, esso viene affidato ai ‘maghi e ai guru della finanza’, nonché a veri e propri truffatori, come spesso avviene nel campo della magia e delle superstizioni.

51sm69hq9jlIl grande economista a americano Thorstein Veblen, agli esordi del’900 svelava i retroscena psicoculturali che si celano nel forme di potere e nei desideri delle classi agiate, e quindi in un’economia che non conosce né un Oikos, né un Nomos, in quanto riguarda questioni di privilegio e di status simbol, e non si interessa né del bene comune, né di regole che possano equamente amministrarlo. Egli spiega come la credenza nella fortuna, si sia sviluppata nelle società barbariche e predatorie dell’antichità, per poi fare da retroscena ai modi di produzione e di funzionamento dell’economia ‘moderna’. Giacché i flussi finanziari dipendono dallo ‘scommettere in borsa’, si capisce come ciò faccia affidamento alla fortuna, e comunque a dati che non possono essere veramente indagati e regolarizzati, altrimenti non si potrebbe scommettere. Alla base della finanza vi è dunque una logica di gioco d’azzardo che in quanto tale presume che quando qualcuno vince qualcun altro perde, e quindi non vi è una la considerazione di un Oikos, e neppure la regola di mercato secondo la quale ‘vinca il migliore’, vincerà invece il più furbo, o il più fortunato, quello che riuscirà appunto a realizzare una ‘fortuna’. In genere è anche il più ladro e il più prepotente, ammanicato in lobby, potentati e gruppi di interesse tra legalità e illegalità.  Certamente, come dice il ‘proverbio piove sempre sul bagnato’, anche perché quanto più ci si può permettere di ‘tentare la fortuna’ , tanto più la si può incontrare, altrimenti la si raggiunge con l’imbroglio. Ciò che appare come fortunoso e quindi proveniente da una forza extracausale, di ordine sovrannaturale, un fluido imprecisabile che rende fruttuosi per alcuni l’economia e infruttuosa per altri, viene fomentato da trucchi ed artifici (imbrogli) che dalle banche passano sotto banco nelle forme più disparate e irregolari, sfruttando le vacatio legis o raggirando le stesse leggi nella più totale illegalità. Nel primo caso si approfitta di mancanza o scarsità di organi di controllo e di regolamenti per la creazione di prodotti finanziari che si rivelano ‘bolle’, cioè pellicole vuote che poi esplodono in faccia a chi ha creduto fossero qualcosa di reale, e che rimane così defraudato. Si inventano modalità di scommessa sempre più sofisticate, ad esempio i ‘derivati’ che sono basati su forme di scommessa su altre scommesse riferite ai debiti di altri dovuti alla perdita di altre scommesse e così via, sono in buona sostanza operazioni di investimento ad alto rischio effettuate da banche o da altri enti specializzati il cui rendimento dipende da una qualche possibilità previsionale sul ‘futuro’ di titoli ed altre operazioni che sono incontrollabili, in quanto compiute da altri operatori i quali anch’essi sono legati a calcoli previsionali sul ‘futuro’. 41nlgxjhtbl-_sx326_bo1204203200_-1-197x300Insomma la ‘sfera di cristallo’ è l’unica vera possibilità di ‘calcolo’ circa operazioni dalle quali dipende il destino reale di risparmiatori che nulla possono sapere su come vengono impiegati i loro soldi, ma che in definitiva possono recare ingenti danni alle imprese e quindi ai lavoratori, fino al punto di portare sul lastrico moltissime persone ‘innocenti’. Così come un tempo maghi e stregoni si servivano per il loro sortilegi anche di segni previsionali attendibili, inerenti la conoscenza dei fenomeni naturali, così la finanza della globalizzazione neoliberista e selvaggia dispone di indici, quali ad esempio il Nasdac, il Down Jones o il Mibtel, i quali indicano comunque andamenti delle borse, ma che nulla possono effettivamente garantire per una gestione razionale dell’economia intesa nel suo senso proprio, razionale ed equitario. Dunque, così come in tempi arcaici i maghi ricavavano privilegi e benefici dalla loro abilità di indurre credenze e superstizioni, così ancora oggi questo avviene e si dà per scontato in un campo come quello economico che dovrebbe invece basarsi sulla possibilità di fare di programmarsi e d fare i conti – almeno per quanto riguarda la possibilità di far fronte alle sue esigenze basilari. Tuttavia oggi non si tratta di maghi, ma di veri e propri pescecani che hanno in mente solo il massimo dei profitti, anche a costo di divorare la vita, la natura e l’intera umanità, attuale e futura. Ecco allora che l’economia magica della fortuna diventa economia di guerra e di devastazione, traffico d’armi e rapina dei popoli tengono in piedi i prepotenti e la loro finanza. La stragrande magoranza degli abitanti del pianeta è devastata da una economia che non è più tale perché non  ha ‘casa comune’, l’Oikos, dell’umanità. Con una tale disumanizzazione, mascherata da ‘società del benessere’, l’inconscio individuale si ammala, o si tormenta nell’acquisire strategie per diventare prepotente e tormentare gli altri, o si deprime, si svilisce, si indebolisce. Ecco alloora che interviene il business degli psicofarmaci su larga scala piuttosto che ogni tipo di droga fai da te pur di resistere ad oppressioni interne ed esterne. No, meglio indignarsi, capire, impegnarsi per il ‘bene comune’, che è ll base di ogni vero bene personale.

IL PIU’ GRANDE ANTIDEPRESSIVO E’ NELLA SOLIDARIETA’ E NELL’AMORE

download-4Prendiamo dunque coscienza di come il nostro ‘essere nel mondo’ sia sottoposto ad agenti depressogeni che seppure non ci colpiscono direttamente ci costringono a subire un clima di disumanità per ragioni di puro e spietato egoismo.  Ecco allora che esprimere indignazione, mettere in pratica forme di solidarieta’ sociale,  partecipare alla  ricostruzione di una convivenza civile più umana e armoniosa ci rende senz’altro meno vulnerabili alla depressione e anche alle ansie che sono ad essa connesse. Una nuova psicoterapia ‘consapevole e democratica’ dovrebbe incentivare a comprendere che  lavorare su se stessi vuol dire anche lavorare per il bene del mondo in cui viviamo. A ciascuno è dato di portare il suo contributo, e ciascuno può ingrandire il suo cuore affinché il bene comune possa essere un valore più prezioso di quelli indotti dall’avidità e dall’egoismo. Del resto è solo sforzandosi  di ricercare e generare il bene per tutti,’ con pensieri , parole ed opere’ che si può vivere meglio oggi e vi sarà un futuro per chi verrà.

2018-09-02T13:52:42+00:00

About the Author:

Pier Pietro Brunelli è psicologo-psicoterapeuta, semiologo e specialista della comunicazione (con una prima laurea al DAMS con il Prof. Umberto Eco e una specializzazione in Università Cattolica). Lavora da molti annia come psicoterapeuta di orientamento junghiano a Milano, Genova e Roma. La sua formazione psicologica deriva anche dalle attività che ha svolto come docente/formatore per diverse Università, Centri Studi e Aziende in Italia e all'estero (Psicologia e Semiotica per la Comunicazione, il Marketing, il Design, la Moda, e lo spettacolo). Dirige il Collettivo Culturale Albedo, per il quale coordina il blog www.albedoimagination.com (vedi anche gruppo #Albedoimagination in FB) che offre servizi informativi di psicologia, arte, cultura e ospita forum di auto-aiuto assistito. Conduce incontri e seminari di teatroterapia secondo gli insegnamenti di Rena Mirecka e del Parateatro grotowskiano. Ha pubblicato numerosi articoli, saggi e libri con i seguenti editori: Allemandi, Arcipelago, Bulzoni, Carocci, Edizioni Scientifiche italiane, Lithos, Lulu, Moretti & Vitale, Ikon, Progetto Editrice, Pedagogika, UPSEL.

Un commento

  1. giuliana novembre 7, 2017 al 2:49 pm - Rispondi

    Se si facessero serie ricerche a livello socio-psicologico emergerebbe come l’equilibrio psichico e fisico sia minacciato ‘in profondità’ dalle disarmonie e dalle frustrazione derivate dal mondo esterno, materialista in modo sempre più ostinato e radicale. Ma manca l’ interesse ad approfondire in tal senso, e viene da pensare che certi gruppi di potere, legati ad esempio alle case farmaceutiche, piuttosto che alla incentivazione del consumismo narcisistico, vogliano nascondere la vera causa di tanti mali psicologici, psichiatrici e fisici. In questo senso articoli come questo danno un importante e raro contributo.

Scrivi un commento